triangle

News

Life Cycle Assestment: come dare un valore concreto al concetto di sostenibilità

15 settembre 2021

LCA: cos’è e perché è stata adottata da Aliplast

Riconosciuta e standardizzata in ambito internazionale, la metodologia LCA è regolamentata dalle normeinternazionali ISO della serie 14040 (UNI EN ISO 14040 e 14044:2021). La valutazione include l'intero ciclo di vita, ovvero comprende l'estrazione e la lavorazione delle materie prime, la produzione, il trasporto e la distribuzione; l'uso, il riuso, la manutenzione, il riciclo e lo smaltimento finale. All’atto pratico una volta definita l’unità funzionale di riferimento, lo scopo ed il campo di applicazione, oltre che i confini del sistema da sottoporre allo studio, al termine dei calcoli si ottiene una quantificazione dell’impronta ambientale di un prodotto/servizio espressa tramite un set di “categorie di impatto”, che rappresentano tutti i diversi impatti che generati in diverse matrici ambientali considerate, nonché sulla salute umana. Una delle principali categorie di impatto è quella del “Global Warming Potential – 100 years”, la quale esprime l’impatto generato dal prodotto/servizio sul “Climate Change” e viene espressa in chilogrammi di anidride carbonica equivalente emessa in relazione all’unità funzionale scelta (kg CO2 eq). Essa rappresenta anche la categoria d’impatto che caratterizza l’impronta carbonica “Carbon footprint”, ovverosia la quantità di emissioni di gas a effetto serra generate nell'intero ciclo di vita di un prodotto di prodotto/servizio o organizzazione.

Meno emissioni inquinanti, più consapevolezza

Parliamo nello specifico delle emissioni di gas ad effetto serra, espresse in CO2 (equivalenti) “CO2eq”, che sono state individuate dalla comunità scientifica come le principali cause del cambiamento climatico che è la vera emergenza dei nostri giorni, non solo CO2, ma anche metano e ossidi di azoto. Risparmiare CO2eq, cosa che i prodotti Aliplast consentono rispetto ai prodotti in plastica vergine, permette quindi di fare una scelta consapevole. Adottare il protocollo LCA rappresenta per Aliplast il mezzo più immediato e robusto per quantificare tale risparmio e migliorare le prestazioni ambientali dei propri servizi. Lo scopo è quello di fornire ai clienti prodotti processati all’insegna della sostenibilità, che siano al contempo caratterizzati da un’alta qualità offrendo elevate performance

I valori dietro alle sigle: la CO2eq

Per avere un’idea, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo, dei benefici conseguenti al riutilizzo dei rifiuti, basta fare il confronto tra i valori di Carbon Footprint derivanti dal processo produttivo della plastica vergine e della plastica riciclata. Prendiamo il granulo di PET, uno dei prodotti di punta Aliplast, nel caso dello stabilimento di Ospedaletto di Istrana (dove ha sede l’headquarters dell’azienda), il rilascio di CO2eq nell’ambiente per la produzione di un 1 kg riciclato è pari a 1,123 chilogrammi, mentre il prodotto vergine causa una dispersione di 3,035 chilogrammi, impattando sull’ambiente quasi tre volte tanto. (dati 2021).

Gli altri valori in campo: l’eutrofizzazione e l’impatto sul suolo

L’LCA non quantifica però soltanto i gas a effetto serra, ma studia anche i processi di “eutrofizzazione terrestre e acquatica”. Si tratta di due “effetti a cascata” che causano un impoverimento nei nutrienti che favoriscono la crescita di vegetazione ed alghe. Anche l’impoverimento delle risorse minerali e fossiliviene attentamente valutato. Per citare alcuni valori, la produzione di un kg di granulo PET riciclato impatta sugli ecosistemi acquatici dolci nella misura di 0,000133 kg P eq (chilogrammi di fosforo equivalente) contro gli 0,000693 del prodotto vergine. Per quanto riguarda invece l’impoverimento delle risorse minerali il valore nel caso del PET riciclato è di 3.13E-06 kg Sb eq (valore che si riferisce a risorse naturali abiotiche non rinnovabili quali minerali e metalli) mentre per quello vergine è 5.51264E-05.

Gli effetti sull’ambiente: alcuni esempi

Alcune similitudini possono aiutare a dare una prospettiva più concreta a tali valori: se consideriamo l’intera produzione Aliplast scopriamo che nel 2020, a seguito della rigenerazione di 85 mila tonnellate di materiali fra Granulo PE, Film PE, Granulo PET, Lastra PET, si è evitata la produzione di oltre 155 mila tonnellate di CO2eq. Il risparmio totale di CO2eq ottenuto grazie al contributo dei fornitori e dei clienti che credono nei prodotti riciclati Aliplast equivale quindi a una riduzione pari all’inquinamento prodotto da oltre 100.000 automobili in un anno. Se guardiamo ai dati prodotti dal solo stabilimento di Ospedaletto di Istrana, dove ha sede l’headquarters dell’azienda, nel corso del 2019 scopriamo che il risparmio si quantifica in oltre 21.000 ton di CO2eq, che equivalgono a circa 1 milione di km percorsi con un aereo economy class con 150 persone a bordo*

(*fattori di emissione utilizzato 0,139 kg CO2/persona x km)

 

 



lista news

Noi usiamo i cookies

Questo sito fa uso di cookie tecnici per il suo corretto funzionamento, di cookie analitici e cookie di profilazione di terze parti per promuovere iniziative in linea con le tue esigenze.
Cliccando sulla X in alto a destra o al di fuori di questo banner prosegui la navigazione con l'utilizzo dei soli cookie tenici. Se invece desideri accettare tutti i cookie seleziona il tasto ACCETTO.
Clicca qui per consultare l'informativa completa e se desideri personalizzare le tue scelte.
Potrai modificare le tue preferenze in ogni momento cliccando "Cookie Policy - Rivedi le tue scelte sui cookie" nel nostro footer.